C'erano anche SS gentili? E le altre domande che mi fanno sull'Olocausto

C'erano anche SS gentili?

E le altre domande che mi fanno sull'Olocausto

Anteprima Scarica anteprima

"Una testimonianza commovente." The Subnday Times

"Risposte sincere che fanno riflettere. Questo è un libro che tutti dovrebbero leggere." The Observer

Hédi Fried aveva diciannove anni quando i nazisti deportarono lei e la sua famiglia. Ad Auschwitz, i suoi genitori furono assassinati, mentre lei e sua sorella Livi riuscirono a sopravvivere. Oggi Hédi ha più di novant'anni e ha passato l’ultima parte della sua vita in giro per le scuole a testimoniare e a rispondere alle domande dei ragazzi sull'Olocausto, da quelle più ovvie a quelle più difficili o sorprendenti: «Avevi sempre fame?», «Perché non vi siete ribellati?», «Sognavi, la notte?», «Che lingue si parlavano ad Auschwitz?», «Provi odio nei confronti dei tedeschi?», «Hai mai conosciuto uno dei tuoi aguzzini?», «Sei riuscita a perdonare?»
Hédi Fried risponde a ogni domanda, in maniera semplice e diretta: le sue parole sincere, lucide e profondamente umane rappresentano una insostituibile lezione di memoria, perché nulla sia dimenticato.

Dettagli libro

Sull'autore

Hédi Fried

Hédi Fried è nata a Sighet, in Romania, nel 1924. È stata deportata ad Auschwitz nel 1944 e successivamente a Bergen-Belsen. Dopo la liberazione si è stabilita in Svezia con sua sorella. Psicologa e scrittrice, si è impegnata a lungo in attività di difesa dei diritti umani. Ha pubblicato la sua testimonianza di deportata, apparsa anche in inglese col titolo di Fragments of a Life: the road to Auschwitz.

Ti potrebbe interessare

,

EPUB PDF