All’inizio, lei era

All’inizio, lei era

Anteprima Scarica anteprima
In questo libro, cruciale per capire il suo percorso, Luce Irigaray interroga l’opera dei presocratici che sta alla radice della nostra cultura. Ricordandoci la storia di Ulisse e Antigone, dimostra come, fin dall’inizio, la tradizione occidentale rappresenti un esilio per l’umanità. Per emergere dall’origine materna, l’uomo ha elaborato un discorso di padronanza e ha costruito un mondo proprio che a poco a poco si è allontanato dalla vita, dalla sua coltivazione e condivisione. Tornare alla cultura greca delle origini è necessario per recuperare la nostra appartenenza naturale e imparare a coltivarla umanamente nel rispetto delle nostre differenze. Invece di un’astratta logica, occorre un linguaggio capace di esprimere un’energia vivente e di trasformare i nostri istinti in desideri condivisibili. L’arte diviene allora una mediazione indispensabile per un’altra evoluzione dell’umanità.

Dettagli libro

Sull'autore

Luce Irigaray

Luce Irigaray, direttrice di ricerca in filosofia presso il Centre National de la Recherche Scientifique di Parigi, ha una formazione multidisciplinare – filosofia, linguistica, psicologia, psicoanalisi – e pratica lo yoga da più di trent’anni. Si dedica alla costruzione di una cultura a due soggetti, maschile e femminile, portatori di valori differenti ma di equivalente importanza per l’elaborazione di legami e di civiltà, sia nell’ambito privato sia all’interno di una comunità umana mondiale. Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato: Io, tu noi. Per una cultura della differenza (1992), Amo a te. Verso una felicità nella Storia (1993), Essere due (1994), La democrazia comincia a due (1994), L’oblio dell’aria in Martin Heidegger (1996), La via dell’amore (2008), Condividere il mondo (2009), Una nuova cultura dell’energia (2011), All’inizio lei era (2013) e Nascere. Genesi di un nuovo essere umano (2019). 

Ti potrebbe interessare