Gli utopisti Gli esperimenti per una società perfetta
Gli utopisti Gli esperimenti per una società perfetta

Gli utopisti

Gli esperimenti per una società perfetta

«Affascinante e riccamente documentato... Questo è il primo libro di Neima e non dovrebbe essere l’ultimo. Scrive come un romanziere con l’occhio per i dettagli ed è chiaro che si diverte con le tante figure eccentriche che racconta (come ad esempio Gurdjieff, che vende passeri pitturati di giallo per finanziare il suo viaggio dalla Russia alla Francia). Pochi libri riescono ad essere così informativi e divertenti.»
Sunday Times - John Carey

«Grazie alla rigorosa ricerca di Neima, ogni capitolo offre qualcosa di nuovo... mostra come una crisi globale possa portare le persone a mettere in discussione la tradizione e a rimodellare la società: un tema molto importante anche oggi.»
Spectator - Guy Stagg

Negli anni successivi alla Grande guerra e all’epidemia della Spagnola, alcuni idealisti decisero di voltare le spalle all’alienazione e allo smarrimento collettivo, fondando comunità ispirate a principi sociali diversi. La storica Anna Neima si cimenta qui in un vivace resoconto delle utopie praticate in vari angoli del pianeta, presentando sei tentativi di costruire una società perfetta: la comunità bengalese di Santiniketan-Sriniketan, istituita da Rabindranath Tagore; il villaggio d’arte di Atarashiki Mura sulle montagne del Giappone; la nuova tenuta rurale di Dartington Hall in Inghilterra; la comunità tedesca dei Bruderhof che sfidò Hitler influenzando la controcultura; l’Istituto dello sviluppo armonioso dell’uomo a Fontainebleau fondato da G. I. Gurdjieff e, infine, il Trabuco College in California, la meno nota fra le comunità intenzionali statunitensi.
Stravaganti visionari e comuni cittadini abbandonarono case e contesti sociali per affrontare penuria e disagio, derisioni e persecuzioni, e i tanti dubbi che emergono quando si cerca di conciliare i grandi ideali con i problemi quotidiani. Tramite materiali d’archivio originali e lettere coinvolgenti, Neima traccia la genesi e lo sviluppo di questi esperimenti sociali, ma soprattutto ne presenta i protagonisti in tutta la loro schiettezza, restituendo il clima intellettuale dell’epoca e il diffuso bisogno di porre le basi per un «nuovo mondo». Incontriamo così, in una veste sorprendente, artisti, scrittori e filantropi, fra cui Gandhi, Jung, Hemingway, Geddes o Aldous Huxley. Anche se ebbero vita breve, queste comunità sperimentali riuscirono a influenzare a lungo raggio gli ambiti più disparati, come l’educazione, l’ambientalismo, la psicologia e la ricerca medica, stimolando riflessioni e pratiche inedite. Gli utopisti è un saggio prezioso, che fornisce suggestioni a chi aspira a un cambiamento, e mostra percorsi alternativi anche alla società attuale, sprofondata in una crisi di sistema e quanto mai ansiosa di trovare nuovi fondamenti.

Dettagli libro

Sull'autore

Anna Neima

Anna Neima è dottore di ricerca in Storia presso l’Università di Cambridge. Ha recentemente ottenuto il Leverhulme Trust Early Career Research Fellowship presso l’Università di Warwick, dove prosegue la sua carriera di ricercatrice. Vive e lavora a Londra. Gli Utopisti è il suo primo libro. 

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF