Grammatiche della creazione

Grammatiche della creazione

Anteprima Scarica anteprima
In Occidente, nella terra del tramonto, «non abbiamo più inizi». Così esordisce George Steiner per interrogarsi sulle maniere in cui le arti, le religioni, la filosofia e la scienza hanno organizzato l’esperienza e la percezione della creazione, dell’invenzione e della scoperta. Se qualche computer può proporre algoritmi che descrivono un mondo «senza inizio» e un universo dal tempo reversibile, l’intelletto umano, probabilmente fino ai livelli più profondi del preconscio, continua a interrogarsi sull’esordio. La ricerca del punto zero in astrofisica e delle fonti iniziali della vita organica in biologia ha una controparte nell’esplorazione della psiche umana. I bambini cercano di scoprire i fatti o i miti della nascita. L’enigma del nulla e del silenzio è da sempre al cuore della filosofia e dell’arte, dalla poesia alla musica. Ma, avverte Steiner, in un’epoca dominata dalla scienza e dalla tecnologia (e non più dalle potenze della religione e delle arti) qualcosa è forse cambiato. Questa mutazione investe i fondamenti del nostro linguaggio e mette in dubbio la credibilità del futuro, il tempo grammaticale della speranza. Grammatiche della creazione pone a confronto i fondamenti della nostra cultura – dalla Bibbia a Platone, da Dante a Shakespeare – con le più recenti ipotesi sul Big Bang, gli sviluppi della matematica, l’ontologia di Heidegger, le liriche di Celan e le esperienze delle avanguardie nelle arti visive e nella musica. Costruisce così una serrata indagine sul mistero della creatività e un’eloquente e drammatica diagnosi del nostro presente.

Dettagli libro

Sull'autore

George Steiner

George Steiner (1929-2020) è stato una figura di primo piano nella cultura internazionale. Fellow del Churchill College a Cambridge, è stato docente in numerose università tra cui Princeton, Stanford, Chicago, Oxford e Ginevra.

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF