Identità culturale e violenza Neuropsicologia delle lingue e delle religioni

Identità culturale e violenza

Neuropsicologia delle lingue e delle religioni

Anteprima Scarica anteprima

Oggi parlare di identità culturale significa addentrarsi in una zona di pericolo, perché in suo nome si sono perpetrati crimini che sfidano l’idea stessa di umanità, e nel suo cono d’ombra ancora si annidano le pulsioni più aggressive. Ma l’ambivalenza dei processi identitari, in cui spesso vanno a incagliarsi i tentativi di riflessione sul tema, per Franco Fabbro non ostacola la comprensione, anzi ne è il presupposto. E, se indagata con strumenti conoscitivi adeguati, che integrano le osservazioni paleoantropologiche e le analisi storico-religiose, può suggerire strategie di disinnesco dei potenziali dannosi.

Fabbro ha studiato per decenni sotto il profilo neuroscientifico le due componenti identificative e coesive dei gruppi umani, ossia le lingue e le religioni: acquisite entrambe nelle prime età della vita, scolpiscono il cervello con analoghi meccanismi neurali, organizzandosi nella memoria implicita e determinando un’architettura neuropsicologica che differirà a seconda delle singole tradizioni. Questi marcatori culturali sono collegati ai sistemi emozionali, quindi alle reazioni difensive e aggressive. Allora, come mitigare gli aspetti violenti dell’identità culturale e preservarne al tempo stesso gli elementi che conferiscono «consistenza e spessore» agli esseri umani, come scrive il teologo Vito Mancuso nella Prefazione?

La proposta neuropedagogica di Fabbro è di esporre precocemente i bambini a quella pluralità di religioni e di lingue che, secondo ricerche ormai consolidate, favorirebbe una più efficace regolazione del comportamento e una maggiore autoconsapevolezza. Proprio là dove adesso c’è pericolo crescerebbe – in ottemperanza a un verso celebre – «ciò che salva».

Dettagli libro

Sull'autore

Franco Fabbro

Franco Fabbro ha insegnato Fisiologia umana e Neuropsichiatria infantile ed è attualmente professore ordinario di Psicologia clinica presso l’Università di Udine. Tra i suoi libri: The Neurolinguistics of Bilingualism. An Introduction (1999), Neuropsicologia dell’esperienza religiosa (2010), Le neuroscienze. Dalla fisiologia alla clinica (2017) e Neuroscienze del bilinguismo. Il farsi e disfarsi delle lingue (2018, con Elisa Cargnelutti). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato Identità culturale e violenza. Neuropsicologia delle lingue e delle religioni (2018).

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF

EPUB PDF