Il pozzo della solitudine

Il pozzo della solitudine

Anteprima Scarica anteprima

Nei Grandi Scrittori, un libro di grande rilievo letterario considerato il fondamento della letteratura gay.



Quando uscì, nel 1928, Il pozzo della solitudine suscitò scandalo e scalpore, l’autrice fu accusata di oscenità e il libro messo al bando nel Regno Unito. Stephen, infatti, è l’erede ideale di genitori aristocratici: tira di scherma, va a cavallo, si applica negli studi. Diventerà persino eroe di guerra, pubblicherà un bestseller e troverà l’amore. Ma Stephen è una donna. Una donna che ama un’altra donna. E mentre le sue ambizioni la spingono verso il successo, la società la emargina, la confina, la rifiuta e la condanna. E Stephen è costretta ad agire drasticamente e disperatamente, nel costante e vano tentativo di trovare la felicità. Fino all’invocazione finale a Dio affinché permetta anche a lei il «diritto all’esistenza».

Il pozzo della solitudine è l’opera seminale della letteratura gay, uno dei «primi e più importanti contributi alla letteratura gay e lesbica» per il New Statesman; «il romanzo gay archetipico», secondo il Times Literary Supplement. Un libro che è diventato un punto di riferimento, un classico, un culto.

Dettagli libro

Sull'autore

Radclyffe Hall

Marguerite Radclyffe Hall (Bournemouth, Dorset 1880 - Londra 1943) rinunciò fin da ragazza al suo nome di battesimo per farsi chiamare John. Di famiglia benestante, conobbe ad Amburgo nel 1907 una delle protagoniste dell’alta società, Mabel Veronica Batten, della quale si innamorò perdutamente e con la quale visse e viaggiò per anni. Dopo la scomparsa di questa, si legò a una giovane nobildonna, Una Troubridge che fu la sua compagna fino alla morte. Tra i romanzi di Radclyffe Hall, oltre al Pozzo della solitudine, ricordiamo La lampada spenta, La stirpe di Adamo e Una vita del sabato.

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF