Non dimenticateci Il discorso del Nobel

Non dimenticateci

Il discorso del Nobel

Anteprima Scarica anteprima
Dopo oltre vent’anni di lotta contro il regime birmano, Aung San Suu Kyi oggi è libera. Anche se la giunta militare l’ha tenuta per anni agli arresti domiciliari, separandola dalla famiglia, Aung San Suu Kyi non ha mai smesso di impegnarsi per «una società libera, sicura e giusta». Oggi è membro del parlamento e, libera di viaggiare, ha tenuto il suo storico discorso per il Nobel, vinto nel 1991, il 16 giugno 2012, contenuto in questo libro insieme a un reportage di Ettore Mo pubblicato da «Sette» del «Corriere della Sera», dal titolo In Birmania, una perla col buco.

Dettagli libro

Sull'autore

Aung San Suu Kyi

Figlia dell’eroe dell’indipendenza della Birmania, U Aung San, assassinato nel 1947, Aung San Suu Kyi ha vissuto in Inghilterra fino all’età di trentatré anni. Rientrata a Rangoon nel 1988, durante una ribellione contro la dittatura sfociata in una feroce repressione, ha deciso di rimanervi e di lottare per la libertà. Leader del movimento per i diritti civili e la democrazia, è stata arrestata nel 1989 e trattenuta agli arresti domiciliari. È stata insignita nel 1991 del premio Nobel per la pace e nel 2008 della medaglia d’oro del Congresso, la massima onorificenza civile americana. Dopo innumerevoli appelli e pressioni dalla comunità internazionale, è stata definitivamente messa in libertà il 13 novembre 2010. Da allora si batte pacificamente per rivendicare i diritti civili negati al suo popolo. Nell'aprile 2012 ottiene un seggio in parlamento e poche settimane dopo si può recare a Oslo a ritirare il premio Nobel ottenuto ventuno anni prima. Nel 2015 si è candidata alle elezioni presidenziali ottenendo la maggioranza dei voti.

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF