La grande transizione Dal declino alla società della decrescita

La grande transizione

Dal declino alla società della decrescita

Anteprima Scarica anteprima
Ormai entrata nel nostro lessico quotidiano, la parola «decrescita» si carica di significati opposti, qualificando – a seconda delle valutazioni – sia il problema sia la sua soluzione. Il coro degli economisti ufficiali assimila la «decrescita reale» che oggi flagella i paesi sviluppati a un fenomeno congiunturale, destinato prima o poi a risolversi nella ripresa. Altri invece giudicano quella che attraversiamo una vera e propria crisi di sistema, al tempo stesso economica, ecologica, sociale e culturale. Sono gli obiettori di crescita, per i quali la fase espansiva si è irrevocabilmente conclusa e il declino delle società capitalistiche avanzate è un fatto paradossalmente benaugurante. Mauro Bonaiuti, tra i primi in Italia a muoversi in questa prospettiva avviata da Serge Latouche, riflette sui presupposti della «grande transizione» che ci aspetta: dalla durezza senza sbocco dello sviluppo a tutti i costi, causa di malessere sociale, predazione di risorse e danni ambientali, alla resilienza o «decrescita serena», sinonimo di ritessitura delle relazioni umane in uno spazio di prossimità e in una dimensione di reciprocità. L’arroganza dei mercati non esaurisce l’orizzonte. Esiste anche un progetto di società di decrescita, e secondo Bonaiuti è l’unico a poterci salvare dal baratro.

Dettagli libro

Sull'autore

Mauro Bonaiuti

Mauro Bonaiuti insegna Finanza etica presso l’Università di Torino. È cofondatore della Associazione per la Decrescita e tra i promotori della Rete Italiana di Economia Solidale. Ha scritto La teoria bioeconomica. La nuova economia di Nicholas Georgescu-Roegen (2001), e curato Obiettivo decrescita (2004) e, per Bollati Boringhieri, la raccolta di saggi di Georgescu-Roegen Bioeconomia. Verso un’altra economia ecologicamente e socialmente sostenibile (2003).

Ti potrebbe interessare