Salto di scala Grandezze, misure, biografie delle immagini

Salto di scala

Grandezze, misure, biografie delle immagini

Anteprima Scarica anteprima
Sulla sommità di una monumentale testa di sfinge dal profilo africano, ingegneri francesi sono impegnati in riti di misurazione; appoggiata alla possente nuca di pietra, si intravede la lunghissima scala da cui sono saliti. Quel remoto episodio della campagna d'Egitto riprodotto in copertina illustra una delle operazioni meno scontate che si possono compiere con un manufatto artistico: stabilirne le dimensioni. Sembrerebbe un gesto prosaicamente quantitativo, invece schiude un mondo, anzi mette in comunicazione mondi diversi. A Ruggero Pierantoni, che sa di scienza e d'arte, ed è abituato a spiccare balzi dall'una all'altra con estro da acrobata e curiosità leonardesca, non sfuggono le meraviglie del misurare. Che si accosti un righello a un affresco dissepolto o si immerga una statua in una vasca piena d'acqua per calcolare - alla maniera di Vasari - il volume del marmo scolpito, prendere le misure significa varcare la soglia dell'opera, lasciare che le sue ragioni dimensionali parlino di qualcosa che va oltre il millimetrabile, ossia di pensiero spaziale, di artifici retorici, di astuzia esecutiva, di strategie di visione, di negoziato tra grandezza effettiva e proporzioni evocate, di distanze fisiche tramutate in senso del tempo. Attraverso funambolici salti di scala dal minuscolo al colossale, dalle superfici planari al tutto tondo, Pierantoni riesce a portare alla luce il non-detto delle immagini, raccontando la materialità e l'epica infinita della loro creazione. Un atletismo che riconnette, su un terreno poco battuto dagli storici dell'arte, la ieratica statuaria egizia e il santuario della democrazia sul Mount Rushmore, il fregio lungo la cella del Partenone, destinato alla penombra più che allo sguardo, la trionfale Marcia dell'umanità di Siqueiros e un piccolo bassorilievo sacro di Donatello. Forse solo a un amico e a un complice come Pierantoni essi sono pronti a confidare il loro segreto.

Dettagli libro

Sull'autore

Ruggero Pierantoni

Ruggero Pierantoni, biofisico, ha lavorato al cnr e per oltre vent'anni ha affiancato all'attività di ricerca - nel campo della ultrastruttura delle sinapsi e dello sviluppo dei sistemi sensoriali - l'insegnamento presso le Università di Toronto, Calgary, Pasadena, Philadelphia, Washington e Ottawa. Attualmente è docente alla Facoltà di Architettura dell'Università di Genova. Tra i suoi libri: La trottola di Prometeo. Introduzione alla percezione acustica e visiva (1996), Verità a bassissima definizione. Critica e percezione del quotidiano (1999), Vortici, atomi e sirene. Immagini e forme del pensiero esatto (2003) e Uno scherzo fulmineo. Cinquecento anni di fulmini dal 1929 al 1447 (2007). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato: Riconoscere e comunicare. I messaggi biologici (1977), L'occhio e l'idea. Fisiologia e storia della visione (1981), Forma fluens. Il movimento e la sua rappresentazione nella scienza, nell'arte e nella tecnica (1986), Segesta, domani (1990) e Monologo sulle stelle. Forme della luce dalle origini alle fini dei mondi antichi (1994).

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF

EPUB PDF